Connect with us

Tech

Windows 10 crasha aprendo questo percorso

Published

on

windows 10 bsod

BSOD a sorpresa

Negli ultimi giorni, Jonas Lykkegaard ha contattato la redazione di Bleeping Computer rendendo pubblica una vulnerabilità presente all’interno di Windows 10, anche nelle ultime versioni del sistema operativo Microsoft. Si tratta di un bug che causa il crash del sistema operativo, forzando un riavvio.

Nonostante la causa scatenante di questo bug sia normalmente molto lontana dalle attività compiute dall’utente, è fonte di preoccupazione la possibilità di causare un BSOD (ndr, Blue Screen Of Death o schermata blu della morte, che generalmente indica un crash del sistema operativo) semplicemente tentando di accedere ad un particolare percorso di sistema.

windows 10 crash

 

\\.\globalroot\device\condrv\kernelconnect

Perché il bug si manifesti, non è necessario alcun tipo di permesso speciale attribuito ai programmi o agli utenti che tentano di accedere a questo percorso. Questo accade perché viene normalmente utilizzato dagli sviluppatori del sistema operativo o di periferiche hardware per interagire con queste ultime.

Seppur sia un file cruciale per il funzionamento del sistema, è stato pensato con la possibilità che i programmi eseguiti dagli utenti possano usarlo per interagire con le periferiche connesse al computer, ma l’uso improprio, ad esempio in un browser, porta l’utente alla famigerata schermata blu.

Attacchi a Windows

Non è ancora chiara l’effettiva entità dei danni che un bug simile possa causare in termini di accesso non autorizzato ai dati dell’utente, ma allo stato attuale è possibile utilizzarlo per mandare consistentemente in crash il sistema Windows attaccato. Lykkegaard, in collaborazione con Bleeping Computer, ha dimostrato alcuni scenari di attacco sulle ultime versioni di Windows.

windows bsod

BSOD causato dal bug in questione. Fonte: Bleeping Computer

Ad esempio, utilizzare il percorso incriminato come icona di un collegamento, causerebbe il crash automatico del sistema, visto che Windows (come ogni altro sistema operativo) dovrà accedervi per mostrare l’icona a schermo.

Applicazioni simili di questo concetto portano Windows al crash subito dopo l’avvio, ma in situazioni realistiche, questa vulnerabilità può anche essere utilizzata per attaccare remotamente tutti i dispositivi in una rete che usino Windows 10 per causare instabilità o negare l’accesso a delle macchine in particolare.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Videogiocatore seriale ed aspirante game maker. Tra i suoi generi preferiti: picchiaduro e giochi di ruolo

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

− 2 = 7

Advertisement

Esclusive Facebook

Popolari