Connect with us

Internet

Leeroy Jenkins: il paladino più famoso di WoW

Published

on

L’iniziativa più famosa in assoluto durante una partita di WoW.

Il mondo di World of Warcraft è costellato di eventi che hanno influenzato la cultura nerd mondiale: proprio su WoW infatti sono scoppiate perfino pandemie, ma sono anche nate leggende indimenticabili.

leeroy jenkins

Lo sa bene Leeroy Jenkins che, nel lontano 2005, decise di separarsi dal proprio party per affrontare coraggiosamente il nemico in solitaria, al grido di (per l’appunto) “Leeeeeeeroooooy Jenkins!“.

Chi è Leeroy Jenkins?

Leeroy Jenkins è il nome dell’impavido paladino impersonato da Ben Shultz e facente parte della gilda di WoW “PALS FOR LIFE“.

Quell’11 maggio del 2005 infatti, i membri della gilda stavano accuratamente studiando il miglior piano per affrontare i nemici presenti nei Bastioni di Roccianera Superiori, ma non Leeroy, che preferì invece cucinarsi intanto del pollo (ndr, un particolare che ci servirà più avanti).

Il buon Ben Shultz si approcciava al famoso MOORPG (Massive[ly] Multiplayer Online Role-Playing Game) evidenziando in particolare la componente role-play di WoW, ed interpretando il caotico paladino in tutto e per tutto: una volta rifocillato infatti, Leeroy, ignorando completamente il proprio party, decise di partire alla carica e allontanarsi dal guppo, auto-invocandosi per ottenere la giusta determinazione per l’eroica impresa.

La scena venne immortalata in un video, che mostra nel primo minuto i membri della gilda intenti a scambiarsi gli ultimi dettagli prima dell’attacco, per poi essere costretti ad inseguire il paladino nel bel mezzo della mischia senza alcun piano preparatorio.

Leeroy commenterà la rabbia e disapprovazione del team con una seconda frase divenuta iconica e perfettamente coerente con la propria indole:

At least, I got chicken.

La domanda a questo punto sorge spontanea: quanto c’è di effettivamente realistico nell’accaduto? La conferma effettiva avvenne tre anni fa, quando venne pubblicato un secondo video, che mostra in effetti una prima versione del video originale, a riprova del fatto che si trattasse di un evento assolutamente organizzato.

In realtà, i video venne rilasciato come omaggio alla Net Neutrality (ndr, vista dal punto di vista degli utenti, può essere riassunta come il principio cardine che rende il web una risorsa totalmente libera e aperta) ed in particolare, poco dopo che Ajit Pai (ex Presidente della Commissione federale per le comunicazioni degli Stati Uniti nel mandato Trump) ne aveva decretato in America la sua cancellazione.

Sta di fatto che l’impresa compiuta da Leeroy Jenkins (organizzata o meno che fosse) ha rappresentato e continua tutt’ora a rappresentare un’icona della cultura nerd, a tal punto da essere menzionata in svariati contesti.

Gli omaggi al paladino senza macchia e senza paura

Blizzard nel 2007 decise di invitare lo stesso Shultz a presidiare un panel durante la Blizzcon di quell’anno, convention interamente dedicata alla casa produttrice di videogiochi, proprio per raccontare la sua epica storia.

Poco tempo dopo, proprio in World of Warcraft, venne inserito l’achievement intitolato “Leeeeeeeeeeeeeroy!” che, una volta completato (ndr, uccidendo 50 draghetti nel Salone della Covata in meno di 15 secondi) conferirà al giocatore il rinomato titolo di Jenkins. Nell’espansione di WoW intitolata Warlords of Draneor è possibile incontrare il paladino in persona, che sarà ben lieto di unirsi al giocatore a patto di aiutarlo nell’impresa.

In Hearthstone inoltre (secondo gioco firmato Blizzard) è presente la carta Leeroy Jenkins che riporta nella descrizione: “almeno ha una gallina arrabbiata”.

Tra i cameo dedicati al paladino degni di nota figurano infine:

  • un episodio della serie How I Met Your Mother (2009), quando Barney Stinson urla il proprio nome prima di uscire dalla stanza;
  • un personaggio di Mass Effect (2007) chiamato Richard L. Jenkins;
  • un episodio della serie My Name Is Earl (2008) dove il fratello di Earl, Randy, intona l’iconico urlo prima di gettarsi nella mischia durante una rissa;
  • un Hyperion Loader presente nel videogioco Borderlands 2 (2019) dal nome di Jimmy J3NKN5 (ovvero Jimmy Jenkins, col cui incontro e reltiva uccisione verrà completata la sfida JEEEEENKINSSSSSS!!!);
  • un episodio del recente remake degli Animaniacs (2020), quando Mignolo risponde al Prof gridando “Leeeeeeroy Jenkins!”.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Scrittrice free lance, ammette senza alcun problema di essere appassionata di erotismo, in tutte le sue forme, sfumature e colori. Fate l'amore non fate la guerra, diceva qualcuno. Ebbene, non è poi così male come idea, dopotutto.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 29 = 32

Advertisement

Esclusive Facebook

Popolari