Connect with us

Attualità

Qanon: pedofilia, satana, meme, golpe

Published

on

Cos’è Qanon?

Qanon è una teoria del complotto estremamente diffusa negli ambienti di estrema destra statunitensi. Questa teoria, nata su 4chan a fine 2017, sostiene che, durante il suo mandato da ex Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump stesse combattendo contro una società segreta composta da membri dell’élite mondiale pedofili e satanisti, per svelare i loro piani e salvare l’America.

La particolarità di Qanon sta nella sua versatilità: da questo preconcetto base, si può collegare a numerose altre teorie del complotto come per esempio Pizzagate, Wayfairgate, o altre idee cospirative correlate soprattutto ad ambienti Alt-Right.

Qanon

Membro della SWAT con indosso una patch di Qanon davanti al Vicepresidente Mike Pence.

Negli anni questa teoria è riuscita non solo ad arrivare alle più alte cariche del Governo statunitense, influenzando e venendo condivisa sia da membri dello staff presidenziale che da rappresentanti repubblicani al Congresso, ma anche a scatenare il peggior attacco a una sede governativa nella storia americana.

Il 2016 e il Pizzagate

Il 2016 è stato un anno importante, sia per la politica che per la cultura online. In quell’anno infatti, il fermento provocato dalla campagna elettorale e successiva elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti portò all’esplosione in popolarità di forum e imageboard come 4chan e 8chan, dove gli utenti potevano liberamente e anonimamente discutere di argomenti totalmente al di fuori dalla discussione politica mainstream.

Ed è proprio su 4chan che nel 2016 nasce la teoria che secondo molti ha gettato le basi per Qanon, conosciuta come “Pizzagate“. All’inizio di quell’anno, infatti, dopo un attacco hacker a un membro della campagna elettorale di Hillary Clinton, migliaia di mail della candidata democratica furono rilasciate in rete, portando a numerose speculazioni da parte di utenti online.

Pizzagate

Comet, Pizzeria di Washington.

Ed è da qui che, con un dubbio sistema di interpretazione di presunti messaggi in codice, su 4chan nacque la teoria senza fondamento secondo la quale i membri del partito democratico statunitense stessero gestendo in segreto un cartello di traffico di schiavi sessuali minorenni, utilizzando come copertura una pizzeria a Washington DC.

Questa teoria, amplificata da commentatori di estrema destra come Alex Jones e da meme sui social media, raggiunse il suo apice quando, nel dicembre del 2016, un uomo della Carolina del Nord decise di guidare fino alla Comet Ping Pong and Pizzeria di Washington, considerata il quartier generale del presunto racket di liberal-pedofilia, per poi aprire il fuoco con un fucile d’assalto.

L’incidente si risolse senza spargimento di sangue dato che quel giorno il ristorante era chiuso, però fu un campanello di allarme per un fenomeno di radicalizzazione online che ben presto sarebbe degenerato.

Il 2017 e la nascita di Qanon

Qanon nasce nel 2017 su 4chan tramite un post di un utente anonimo che dice di essere un insider di un dipartimento governativo statunitense con accesso ad informazioni segretissime: in questo post, tramite affermazioni criptiche, Qanon fa riferimento a diversi eventi che, secondo presunte informazioni conosciute solo ai livelli più alti del Governo, sarebbero poi accaduti nell’immediato futuro.

Nel post Qanon predice l’imminente arresto di Hillary Clinton e di altri membri del partito democratico, inoltre vengono citati altri cliché delle teorie del complotto di stampo conservatore come George Soros e Barack Obama.

Screen del primo “Qdrop” originale in cui venivano elencati tutti i supposti avvenimenti futuri della previsione in codice criptico.

Negli anni i post di Qanon diventeranno sempre più assurdi: vi si predice che nel 2021 il defunto figlio di John F. Kennedy sarebbe in qualche modo tornato nella terra dei vivi per sostenere Trump nella guerra contro le elite pedofile, o che alla cerimonia di insediamento di Joe Biden quest’ultimo sarebbe stato in realtà Donald Trump travestito e pronto ad arrestare ogni membro del partito democratico.

Questi post, soprannominati Qdrops, erano spesso accompagnati da stringhe di caratteri sconnessi interpretati da molti utenti come messaggi in codice da decifrare, nonostante vari studi abbiano poi rivelato che erano probabilmente il frutto di pulsanti premuti a caso.

Quest’aura di negazione plausibile accompagna ogni Qdrop, nei quali Qanon può fare ogni predizione possibile senza nessun pericolo di perdita di credibilità, proprio perché sono gli utenti stessi a creare giustificazioni o trovare un senso ai messaggi, arrivando persino a interpretare azioni mondane di Donald Trump come il bere da una bottiglietta  al pari di un segnale che il deep state sarebbe presto stato smascherato.

La diffusione e il 6 gennaio

Gli anni del covid sono ricordati da molti come gli anni nel quale è esplosa la radicalizzazione online: l’uso maggiore dei social media dovuto al lockdown combinato con l’insicurezza verso il futuro portata dagli eventi della pandemia sono stati elementi da tempesta perfetta per la diffusione delle teorie di Qanon.

I Qdrops infatti, dopo essersi collegati a Pizzagate, cominciarono ad aggregare elementi del negazionismo del covid e, successivamente, a sostenere che le elezioni americane del 2020 fossero state truccate.

Tutto questo, amplificato tramite social media non solo da pagine e commentatori conservatori come Fox News e Info Wars, ma anche da membri del Congresso e dal Presidente Trump stesso, portò a un vero e proprio stravolgimento del partito repubblicano, nel quale le teorie di Qanon erano de facto diventate un elemento cardine dell’amministrazione.

Proprio come accaduto con il Pizzagate, la diffusione di queste teorie degenerò in frequenti atti di violenza, come per esempio quando nel 2018 un sostenitore di Qanon armato bloccò la diga di Hoover in Nevada con un furgone blindato, oppure quando, a Philadelphia, altri due sostenitori furono arrestati mentre si avvicinavano ad un centro per il conteggio dei voti elettorali armati con due fucili d’assalto.

Qanon, 6 gennaio

Una delle tante foto riguardanti l’attacco dei sostenitori di Trump a Capitol Hill il 6 gennaio 2021.

Ma l’evento che fece comprendere al mondo la pericolosità di Qanon fu certamente l’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021.

Durante  il conteggio dei voti elettorali al Congresso, una folla di sostenitori repubblicani, molti dei quali indossavano merchandise o bandiere di Qanon, fecero irruzione nel Campidoglio a Washington DC, sede delle due camere del Parlamento americano, in un tentativo di ostacolare la certificazione di Joe Biden come legittimo vincitore delle elezioni. L’assalto, sul quale è tutt’ora in corso un’ indagine, ha provocato in tutto 5 morti e centinaia di feriti.

Dopo quest’attacco molte piattaforme social cominciarono a moderare i contenuti collegati a Qanon più duramente e molti web service provider decisero di cessare i loro servizi a siti come Parler, conosciuti per essere hotspot di attività Alt-Right, di cui molti usati per coordinare proprio l’attacco al Campidoglio.

Questa stretta però non fermerà Qanon che, con meno frequenza, continuerà a postare Qdrops fino al 2022, fomentando un movimento ancora convinto che l’intero Governo americano sia corrotto e antidemocratico.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.
Advertisement

Popolari