Connect with us

Fumetti

Guida Galattica al Vocabolario Weeb, parte 1: Le Anime Girls

Published

on

Capitolo 1: Anime Girls e come chiamarle in perfetto stile Weeb

Quello del weeb è uno stile di vita. Leggere manga, guardare anime, collezionare action figures, dimenarsi in preda a spasmi di goduria davanti ad un onigiri, portarsi a letto la propria waifu in versione cuscino oversize, sollazzarsi guardando suddetta waifu ricevere le attenzioni di altri uomini nei prodotti offbrand a lei dedicati, persino usare termini giapponesi nel parlato di tutti i giorni, sono prerogative comuni di qualsiasi weeb che si rispetti.

Se siete arrivati su questa pagina, quindi, è possibile che facciate orgogliosamente parte di questa comunità di fan del Sol Levante, oppure che ne siate semplicemente incuriositi e ne vogliate sapere di più. Qualunque sia il caso, conoscere il significato di determinate parole può fare la differenza. O forse no, ma sempre meglio saperlo.

Perciò, in questa breve guida episodica cercherò di elencare alcuni termini frequentemente usati in anime e manga, illustrandovi il significato e portandovi anche qualche esempio per chiarire. E si parte subito parlando di quella cosa che piace tanto ai maschietti…

weeb

La trama, ovviamente.

1) Meganekko

Immancabile in ogni opera fumettistica e di animazione giapponese, senza eccezioni. Derivante dai termini giapponesi megane (“occhiali”) e ko (“ragazza”), il termine indica appunto le ragazze che indossano gli occhiali. Solitamente associate a un carattere tranquillo e riservato, spesso abitano solitarie in quell’angolino della classe mentre si nascondono dietro ad un libro nella cui lettura sono completamente immerse.

weeb

Tsubasa Hanekawa(Monogatari Series): Uno sguardo malizioso dietro due grandi lenti.

Talvolta invece sono al centro dell’attenzione, come carismatiche presidentesse scolastiche, provocanti professoresse o pragmatiche assistenti dei personaggi principali. Sono anche quanto di più vicino a una rappresentazione realistica della popolazione femminile giapponese, il che le rende particolarmente apprezzate dagli spettatori per via del moe suscitato dagli occhiali. E anche dalle eccezionali curve di cui (quasi sempre) dispongono.

2) Majokko

Detta anche maho shojo (letteralmente, “ragazza maga”), le majokko sono ragazze adolescenti o preadolescenti (sì, quelle che fanno venire freddo ai polsi) che, per loro vocazione, poteri speciali o anche solo per puro caso, si ritrovano a dover combattere contro criminali, mostri o alieni tentacolari che minacciano di distruggere la Terra.

weeb

Diversi stili di majokko in Pretty Cure.

Queste stesse ragazzine, spesso grazie all’aiuto di oggetti magici o pucciosi animaletti extraterrestri, si trasformano nella loro tenuta da battaglia, solitamente un vestito color pastello (in tinta con gli occhi e/o i capelli del personaggio) decorato da nastri, fiocchetti e lustrini. Esempio lampante è quello delle guerriere Sailor dell’opera Sailor Moon, che ha riscosso e riscuote tuttora un gran successo in tutta Italia.

3) Dojikko

Goffa, maldestra, impacciata, ma tanto tanto “Kawaii!” , una dojikko (da doji, “guaio”) è essenzialmente una ragazza imbranata. Incidenti, capitomboli e cadute sono una routine quotidiana per questi personaggi, a cui compensano con un’apparenza adorabile e un carattere spensierato e quasi infantile.

weeb

Una sbadata Isla da Plastic Memories.

E’ proprio a questo contrasto che è dovuta la popolarità di queste ragazze, che si possono ritrovare in opere sia comiche (data la naturale goffaggine) che sentimentali, come eroine impacciate nella loro vita amorosa, e perfino in quelle d’azione, principalmente come fonte di incidenti con il protagonista nonché di fanservice.

4) Nekomimi

Weeb di tutto il mondo e adepti al culto di Elon Musk sapranno già perfettamente di cosa si parla, ma per tutti gli altri, una spiegazione è d’obbligo. Con il termine nekomimi (da neko, “gatto” e mimi, “orecchie”) vengono indicati quei personaggi dotati di particolari caratteristiche fisiche, quali coda, orecchie e, talvolta, zampe da gatto.

weeb

Rem Galleu (How Not to Summon a Demon Lord): Orecchie soffici, coda ondeggiante e un carattere feroce.

Sono la specie più famosa del gruppo delle kemonomimi (da kemono, “animale”), ritratte come avvenenti fanciulle dai movimenti graziosi e dalla presenza elegante come i felini che rappresentano. Il loro aspetto e comportamento adorabile è il loro punto forte; tuttavia, anche altre caratteristiche vengono apprezzate; ad esempio la sensibilità di orecchie e coda, un cliché ampiamente sfruttato nelle opere erotiche.

5) Osananajimi

Terminiamo il nostro appuntamento con il pezzo forte di oggi. La osananajimi è la classica amica d’infanzia presente in qualsiasi harem degno di nota: carina, gentile, benvoluta, conosce il protagonista meglio di chiunque altro e finisce per provare qualcosa di più della semplice amicizia. Spesso si dimostra gelosa e possessiva nei suoi confronti, entrando così in conflitto con i suoi altri possibili interessi amorosi.

weeb

La dolce Sohara da Sora no Otoshimono. Quasi non riesco a credere che abbia un colpo di karate letale.

Reprime i suoi sentimenti per il personaggio maschile per paura di essere rifiutata, il che la rende fragile a tal punto da alimentare il desiderio degli spettatori di proteggerla. Per questo motivo è una delle tipologie di ragazze più apprezzata, nonché quella che ogni weeb, sotto sotto, spera riesca a vedere i suoi sentimenti ricambiati.

Sigh.

Seguici sulla nostra Pagina Facebook, sul profilo Instagram ed entra nel nostro gruppo su Telegram.

Un ragazzo di 21 anni, iscritto alla Facoltà di Lettere Classiche, con una grande passione per la scrittura. Modesto, per niente megalomane (non parliamo certo in terza persona per questo.)

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

59 + = 67

Advertisement

Esclusive Facebook

Popolari